Tersite viene colto da un'improvvisa ansia di citazione, e ruba qualche verso a Bruno Lauzi