Disporre di colesterolo e trigliceridi particolarmente esuberanti non rappresenta necessariamente un marchio d'infamia